CcsWBeLW4AABi09

Domani è domenica, e come tutte le domeniche da più di un anno, i nostri abbonati riceveranno intorno alle 8 di mattina il numero di Slow News. È il numero 118 e il titolo è un riappacificante “Good news“.

Le buone notizie sono due: la prima riguarda tutti, ed è che finalmente anche i lettori italiani potranno avere accesso gratuito a una delle più ricche risorse dedicate alla verifica delle fonti, il Verification Handbook curato dallo European Journalism Centre; la seconda riguarda i nostri abbonati, ed è che senza di loro questa cosa non sarebbe mai successa. Perché lo European Journalism Centre non aveva fondi per pagare la traduzione. Ma Slow News sì, e ha deciso di investire su questo progetto, permettendo a ⅕ di Slow News di non lavorare gratis.

Tutto qui? No. Si parla anche di Berlusconi, del Vaticano in Africa, di quella cosa che qualcuno chiama Snapchat mentre tutti gli altri non hanno ancora capito che cos’è, di premi Nobel che fanno a botte e di una certezza che molti attenti osservatori hanno nei confronti di internet. Una certezza che, come spesso capita con le certezze degli attenti osservatori, è sbagliata.

Se non sei abbonato puoi rimediare. CLICCA QUI.

[La foto è di Andrea Coccia]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>