Articolo

Bella Ali

Categorie: Senza categoria

Il 3 giugno è morto Muhammed Ali, the Greatest. In poche ore sono usciti centinaia di articoli, in ogni lingua, con ogni taglio. Mentre questo fiume di parole si riversava online, i social si sono letteralmente ingolfati di messaggi di cordoglio, di stima, di affetto e, come in fondo è normale che sia, non è mancata nemmeno un po’ di ironia. Sul numero 145 di Slow News i nostri abbonati si troveranno nella mail un numero il cui baricentro è proprio Muhammed Ali.

È questo che facciamo da 72 settimane. Perché la missione di Slow News è mettersi tra i suoi abbonati e quel flusso ininterrotto e indistinto, un flusso in cui la merda supera l’oro di 90 a 1. Mettersi in mezzo vuol dire filtrare, selezionare, leggere e infine scegliere. È per questo che costa 2 euro al mese (o 18 all’anno).

Il tempo è l’unica ricchezza che abbiamo. Se pensate che sia così anche per voi, ci si abbona qui.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>