facebook_pixel

DIG raddoppia e sbarca a Milano con un nuovo bando

Esistono soltanto da un paio d’anni, ma i DIG Awards — di cui Slow News è partner da due anni — si sono già ritagliati un posto importante nel panorama italiano, e non soltanto perché quel panorama assomiglia più a un deserto che a una prateria verde, ma, più semplicemente, perché sono ad oggi l’unico appuntamento italiano dedicato al giornalismo – in particolare i video reportage – che sta realmente costruendo una comunità, innescando un circolo virtuoso che ha permesso, in appena due edizioni, di mettere in comunicazione il mondo di chi le idee ce le ha con il mondo di chi ha i soldi per produrle.

La buona notizia di oggi è che l’appuntamento, solitamente fissato a fine giugno a Riccione, quest’anno raddoppia e sbarca a Milano, con un evento di due giorni a metà autunno — il 27 e il 28 ottobre — e con un nuovo bando lanciato in collaborazione con Feltrinelli: al centro del bando ci sono, come al solito, progetti di inchiesta e di reportage, ma questa volta c’è anche un tema: “1968-2018: what is left, what is right”.

C’è tempo fino al 25 settembre per presentare i progetti, e in palio c’è un contributo per lo sviluppo di 13.000 euro. Qui trovi tutte le informazioni del caso. Ci vediamo ad ottobre a Milano.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*