Nell’usare lo storytelling come tecnica di progettazione trovo utile dividere in tre parti il percorso del cliente: la call to adventure è la presa di consapevolezza dell’esistenza di un problema e, insieme, della sua soluzione: scopro che c’è qualcosa che mi aiuta/mi serve/mi piace. le peripezie sono il percorso più o meno arzigogolato che ognuno di noi fa quando scopre che c’è qualcosa che gli serve/gli piace e il suo utilizzo (sempre più da considerare come servizio/godimento di un bene e non come possesso, con un notevole impatto sulla relazione tra azienda e cliente). il lieto fine è il momento […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>