Alla ricerca della creatività

Quando si lavora in un ecosistema che sta a metà fra l’ingegneria e le discipline umanistiche bisogna affrontare l’annoso tema della creatività. È una delle cose più difficili da far capire a clienti, colleghi, parenti e amici se non hanno a che fare con la parte creativa: è difficilissimo mettere a sistema la creatività, ragion per cui ci diamo un metodo, delle gabbie dalle sbarre non troppo rigide, degli schemi da riempire, dei canvas e via dicendo. Ma per quanto si schematizzi tutto, c’è sempre quell’imponderabile elemento serendipitevole che sfuggirà alla nostra catalogazione, alla nostra ansia – di matrice deterministico-ingegneristico-capitalistica – di […]
Abbonati a Wolf!
Scopri tutto il nostro archivio.
Se hai già sottoscritto l'abbonamento, fai log in.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>