La Corporate Social Responsability, per gli amici CSR, è sempre stata un po’ la sorellastra dell’impegno sociale, quella guardata con sospetto qualunque cosa facesse, con il sospetto o l’accusa esplicita di servire solo a ripulirsi l’immagine insudiciata dai comportamenti reali. Che fosse green washing, pink washing o washing multicolore, la stessa idea che un’azienda potesse volontariamente e seriamente impegnarsi per migliorare il mondo in cui viviamo è sempre stata considerata alla stregua di una favoletta per anime belle, un modo per impegnare raccomandati dove non è possibile fare danni e dove spendere soldi buoni solo per le detrazioni fiscali. Seguo […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>