Precedente

Come sopravvivere all’apocalisse zombie della reach. Parte seconda

Se una delle modalità per sopravvivere alla presunta reach apocalypse è quella della creazione, cura, sviluppo di un gruppo su Facebook, di certo non è la sola. Vediamo, per esempio, che cosa si può fare in termini di piano editoriale e di testi all’interno di una pagina, cercando di capire, prima di tutto, che cosa ci spiega Facebook quando cerca, in tutti i modi, di illustrarci il suo funzionamento con le «linee guida per chi pubblica». Ci risiamo, insomma. Per capire cosa fare, bisogna studiare il funzionamento delle piattaforme, leggere il manuale, conoscerene la convenienza specifica. Facebook afferma (e non […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>