Continua a studiare e non perderai il lavoro

È pensabile guardare al futuro del lavoro in modo non scandalistico, né utopico né distopico, vedendo l’automazione come parte del processo iniziato con la prima rivoluzione industriale e non come discontinuità imprevedibile? Ci stanno lavorando in molti, in tutto il mondo, ma già, tranne poche eccezioni, vediamo prevalere le tifoserie. Un’interessante ricerca del Club Ambrosetti, presentata a Cernobbio ai primi di settembre, aiuta a guardare il mondo e il mercato del lavoro con meno emotività del solito. La ricerca parte dall’impatto sul PIL pro-capite, sui salari reali e sulle disuguaglianze di reddito delle tre rivoluzioni industriali (macchine a vapore, elettricità/petrolio […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>