Episodio 2. La scena del crimine: il mistero si infittisce

Maddalena, che non si chiama veramente così, ma preferisce non apparire con il suo vero nome, ha 40 anni e da quando ha avuto il secondo figlio, nel 2016, ha mollato una attività ben avviata nel mondo della comunicazione e ha convinto il marito a supportarla in una nuova sfida. Come il nonno, che quando era ragazzina gestiva una libreria specializzata in testi scolastici nella cittadina dove è cresciuta, Maddalena voleva aprire una libreria: «non volevo più dedicare la mia vita ai clienti della mia agenzia, così quell’anno, come tanti, ho aperto un blog», mi racconta mentre controlla gli ordini sul computer nella sua libreria, che nel frattempo esiste veramente, in quartiere periferico di Milano.

La libreria di Maddalena esiste da 3 anni e conferma che la vita non è affatto semplice per le librerie indipendenti, anche se la sua stessa esistenza dimostra che la morìa, che c’è, non riguarda tutti. La sua attività sta in piedi. Non è per niente facile, ovviamente, ma resiste e in questi tre anni ha affrontato tante difficoltà. «Il primo anno è stato molto difficile», mi racconta, «All’inizio ero ancora parecchio naif, le cose erano molto diverse dalla libreria di mio nonno — lui vendeva scolastici. aveva rapporti diretti con gli editori — e così mi sono fidata dell’agente di Fastbook».

Categorie: Slow journalism

Fastbook è il grossista di proprietà di Messaggerie, dichiara di avere “160.000 titoli disponibili e 37.000 Novità all’anno con consegna in 24/48 ore” ed è solo uno degli attori che si muovono sul palcoscenico della nostra storia e che per molti di quelli che ne raccontano le viocende è una scena del crimine. Rispetto al primo articolo che ho letto sul tema, è molto più affollata di quel che pensavo e le dinamiche sono più complesse di quelle che sembravano a prima vista. Se fossimo in una puntata di Blu Notte, a fianco a Carlo Lucarelli comparirebbero nuove sagome, di […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>