Il design thinking ma senza nominarlo

Tutti parlano di intelligenza artificiale. Ma chi ha le competenze per parlarne davvero? E per mettere in atto quello che si potrebbe fare, in ogni azienda? È il tema che è stato sollevato qualche tempo fa quando è uscita una ricerca che ha analizzato in quante aziende nuove, in quante startup, si utilizzi, nella presentazione, la terminologia “intelligenza artificiale”. «Secondo lo studio, realizzato con la sponsorizzazione di Barclays, nel 40% delle 2.830 startup dell’AI in Europa non c’è alcuna prova che l’intelligenza artificiale sia una parte rilevante nei prodotti offerti. Le conclusioni di Mmc Ventures sembrano suggerire che l’AI si […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>