Il panafricanismo europeo

Categorie: Slow journalism

Il 10 dicembre 2018 a Oslo durante la tradizionale fiaccolata che celebrava i due nuovi premi Nobel per la Pace, la yazida curda Nadia Murad e il congolese Denis Mukwege, centinaia di congolesi hanno salutato l’eroe di Bukavu con canti, applausi, cori e commozione. Sotto il balcone del primo piano del Grand Hotel da cui si sono affacciati i due neo-laureati una folla ingiallita dal lume delle fiaccole, curdi e congolesi della diaspora e non, norvegesi e turisti da tutta Europa, applaudiva affidando tutte le proprie speranze e i propri sogni di pace a quelle due persone. Nel giorno dell’assegnazione […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Flow. or Flow Maicol Edition.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>