La SEO, i social e il coronavirus

Mentre impazza l’emergenza Coronavirus – su Slow News abbiamo pubblicato, gratuitamente, un contenuto-anticorpo su come si dovrebbe agire nella produzione di informazione in caso di emergenza – è utile dare un’occhiata alle piattaforme per capire come si muovono. E anche per trarre informazioni utili rispetto al tipo di ricerche che fanno le persone. Il mio consiglio è di evitare Google Trends (troppo ansiogeno), ma se vogliamo farci un giro comunque, sapendo che poche ore dopo i risultati cambieranno, l’unica cosa che dobbiamo evidenziare è che le keyword, cioè le parole che le persone cercano sono quelle che sentono/leggono/vedono usate dai media […]
Questo contenuto è riservato ai membri della comunità di Slow News.
Mentre impazza l’emergenza Coronavirus – su Slow News abbiamo pubblicato, gratuitamente, un contenuto-anticorpo su come si dovrebbe agire nella produzione di informazione in caso di emergenza – è utile dare un’occhiata alle piattaforme per capire come si muovono. E anche per trarre informazioni utili rispetto al tipo di ricerche che fanno le persone. Il mio consiglio è di evitare Google Trends (troppo ansiogeno), ma se vogliamo farci un giro comunque, sapendo che poche ore dopo i risultati cambieranno, l’unica cosa che dobbiamo evidenziare è che le keyword, cioè le parole che le persone cercano sono quelle che sentono/leggono/vedono usate dai media […]
Questo contenuto è riservato ai membri della comunità di Slow News.
Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram
Share on whatsapp