Precedente

L'editoria di Münchausen

«The Baron! Baroooon? Baroooon? Where’s the Baron?» — Chi leggerà ancora i giornali nel 2027? — Non saprei. Devono essere lettori mooolto lenti. (Anonimo lombardo) Di tutti i supereroi del nostro tempo, il più superlatitante è sicuramente l’editore. Mestiere cangiante e sempre identico, editore è colui che trova un autore, lo produce e lo dà in pasto a un mercato di riferimento. Sì, perché è l’ultimo passaggio quello che conta, per lo meno in questa fase storica. Finché era possibile pubblicare in perdita, grazie a un mecenate, o giostrando andreottianamente con le politiche dei resi, oppure editando in perdita dietro […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>