Precedente

Liberi e loghi

Una tempesta mediatica sul restyling del logo di Liberi e Uguali. Incredibile. Troppo anche per questi tempi in cui «Se tutti ne parlano dev’essere per forza una notizia». In poche ore, il marchio disegnato dal fratello di Pippo Civati è stato dissezionato dai social. Non sto a riepilogare la vicenda, di cui hanno parlato tutti i quotidiani italiani e persino Maurizio Crozza. Tutta colpa (o merito) di tre foglioline, di una battuta infelice e della propensione italica a emulare il peggio di Aldo Biscardi in 140 caratteri. Tanto che quando qualcuno ha postato la questione sul gruppo di discussione di […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>