No link, no party

Tralasciando quelli che di fatto sono fogli scandalistici al pari dei tabloid inglesi del peggior rango, quali Libero, la cui presenza sui social ed il sito web si commentano da soli, proviamo a vedere, al di là di proclami di circostanza e affermazioni pour cause quale sia lo stato dell’arte effettivo della presenza digitale dei principali quotidiani del nostro Paese: Corriere e Repubblica. Al Corsera, solo per stare alle cose più recenti, ne hanno inanellate parecchie di nefandezze [mi spiace per i tanti amici che vi lavorano ma non trovo altro termine per definire quel che è successo anche solo […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>