Precedente Successivo

Oltre il Muro. Nostalgia canaglia

Gabriel vive in una casa piccola e umile al terzo piano di un condominio d’architettura residenziale socialista a Berlino. Dopo alcuni rapidi convenevoli intorno a uno strano cocktail analcolico e fruttato, chiede di seguirlo in una stanza che sembra un piccolo ufficio, con un computer vecchio e massiccio e una scrivania ricoperta di appunti scritti a mano.

Apre le ante di un guardaroba e con tre semplici gesti che sembrano ormai automatici tira fuori un contenitore di plastica rigida. Ha bisogno di un aiuto per quanto è pesante.
«Ecco, questi sono i documenti che la Stasi aveva su di me».

Categorie: Reportage

L’archivio della vergogna Dentro il contenitore ci sono circa 30 chili di carte ammassate in modo sparso ma ordinato. I fogli non sono spillati, ma le pagine sono in ordine. Alcuni documenti sono semplici informative contenenti informazioni generali e fotografie, altri invece sono dei report stilati da chi lo seguiva e spiava. «Guarda qui!» dice scorrendo freneticamente con l’indice sui fogli. Mentre sfoglia le carte che lo riguardano, Gabriel è preso da un’agitazione strana che non lo fa concentrare sui singoli fogli, ma lo porta a invece a muovere confusamente le carte da un angolo all’altro della stanza. «Ancora non […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>