facebook_pixel

Le pietre angolari di Wolf.

«Il piano editoriale di Wolf. è un oggetto fluido che segue (ma non insegue) il cambiamento. Si basa anche su pilastri solidi. Primo fra tutti, l’esperienza delle persone che realizzano questa newsletter». Lo scrivevamo nell’editoriale di accompagnamento al crowdfunding che ha portato alla creazione di Wolf. Era la vigilia di Natale del 2015 e l’editoriale proseguiva così. «Wolf sarà una comunità, un laboratorio, un gruppo dove generare relazioni e conversazioni per condividere la conoscenza, approfondire, imparare, crescere, generare opportunità di lavoro, far incubare idee, fare in modo, soprattutto, che queste parole non siano contenitori vuoti ma abbiano un significato e […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>