Successivo

Più Google AMP per tutti

Ormai, se cerchi su Google con uno smartphone temi che abbiano a che fare con la stretta attualità trovi un «carosello» di piccole tabelle da scrollare. Sono le Google AMP (Accelerated Mobile Pages: ecco cosa sono e come si creano, dal glossario di Wolf), operative a tutti gli effetti, risultato dell’accordo fra Google e gli editori e, di fatto, imposte a tutto l’ecosistema. Uno dei problemi che si portano appresso le Google AMP, che dal punto di vista dell’esperienza utente sono perfette (semplici, lineari, facili da leggere, senza «ostacoli» che impediscano la visualizzazione dei contenuti), è la monetizzazione. Se è vero […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>