SEO: Giubilare, posizionare, linkare (non necessariamente in quest'ordine)

Categorie: SEO

Riassunto delle puntate precedenti

Alla fine del primo mese di Wolf, avevo proposto un contenuto dedicato alla SEO e, in particolare, a un mio progetto sul Giubileo. Era una sorta di «parte prima», cui era seguito un Q&A. Sempre relativamente alla SEO, ho raccontato il caso delle sedie ergonomiche e poi fatto uno speciale sul valore del link (e sul giorno in cui li abbiamo resi inutili).

Lo strano caso del Giubileo, parte seconda

Avevamo interrotto l’analisi sul sito che ho costruito a scopo di test SEO editoriale sul Giubileo al 31 di agosto 2015, quando i risultati mostravano un chiaro picco di traffico di provenienza organica (cioè dai motori di ricerca. In altre parole, da Google).

Seguendo la mia teoria sui reali segnali di ranking (ovvero: il contenuto e la convenienza propria di Google) ho continuato ad aggiornare il sito, senza esagerare e limitandomi a quelle chiavi di ricerca che vedevo essere «battute» dai lettori.

Utilizzando Google Analytics e la Search Console scoprivo, per esempio, che ricevevo visite da parte di lettori che cercavano su Google «biglietti per il giubileo» o «come diventare volontari per il giubileo».

Una scoperta del genere ha una sola funzione, di fatto: aiuta a pianificare contenuti che non avevamo pensato prima. Attenzione. Questo non significa farsi dettare la linea editoriale da Google o dai lettori. Significa semplicemente comprendere le necessità di informazioni che vengono espresse sotto forma di ricerche su Google e tentare di soddisfarle.

Così, sempre seguendo l’esempio, ho scritto un pezzo sui volontari e un pezzo sui biglietti e le prenotazioni per i grandi eventi legati alle manifestazioni. Ho compilato un calendario degli eventi. Ho sempre linkato il sito ufficiale del giubileo in modo da comunicare correttamente che il mio non era il sito ufficiale e, al tempo stesso, in modo da arricchire l’esperienza-utente con link pertinenti e utili. Il che ci permette di affrontare un tema cruciale.

Ma se linko un concorrente non lo favorisco?

Questa è una delle peggiori leggende metropolitane che si possano sentire nel mondo della SEO. Purtroppo, molti SEO ne sono convinti e la sbandierano come regola generale. Immaginati cosa succede nel mondo del giornalismo italiano, dove già con difficoltà si citano le fonti. Prova a visitare un sito di una qualsiasi testata online mainstream: i link che vanno fuori dalla testata sono pochissimi, quasi inesistenti. Ma costruire un walled garden non è una buona idea, a meno che tu non sia un colosso. Se tutti i siti linkassero solo il proprio archivio interno, i siti sarebbero come isole non collegate fra loro. E il web così come lo conosciamo non esisterebbe. Il walled garden lasciamolo costruire a Facebook.

Mi sembra utile soffermarci sul tema link, anche per rispondere a una domanda di un abbonato.

Schermata 2016-05-04 alle 23.57.52

Yoast

Nella domanda, Toni parla di Yoast. È un plugin SEO per WordPress che ho presentato per sommi capi nel Q&A dedicato alla SEO del numero 12 di Wolf. Personalmente, ne consiglio l’utilizzo solo dopo che si sono introiettate tutte le buone pratiche e la teoria della SEO applicata ai contenuti editoriali (di qualunque genere e natura). Perché altrimenti può generare l’illusione che, una volta assecondate tutte le «richieste» del plugin, allora ci si dovrebbe per forza posizionare su Google.

E invece spesso i semafori rossi non vogliono dire nulla. Sto lavorando, sul mio sito personale, al posizionamento di un pezzo che parla dell’algoritmo di Facebook. Secondo Yoast, la prima regola (mettere la keyword principale che ho scelto, in questo caso, ovviamente, algoritmo Facebook nel primo paragrafo del testo) è violata.

Schermata 2016-05-04 alle 21.51.59

Vedi? Semaforo rosso. Eppure, se cerchi (da finestra anonima, mi raccomando) su Google «algoritmo Facebook», ecco cosa succede.

Schermata 2016-05-04 alle 09.22.12

Terzo posto. In linea generale si può dire:

  • se proprio vuoi usare Yoast, meglio seguire i suggerimenti di Yoast che non seguirli;
  • prima di usare Yoast, studia bene le buone pratiche SEO

Ora, venendo al quesito e ai link, una delle indicazioni che può capitare di ricevere da Yoast relativamente ai link è questa.

Schermata 2016-05-05 alle 00.26.32Schermata 2016-05-05 alle 00.51.09

È proprio l’indicazione di cui parlava il nostro abbonato sul gruppo di conversazione. Per capirla bene bisogna introdurre un concetto, quello dell’anchor text.

L’anchor text

Nel glossario di Wolf abbiamo spiegato semplicemente cos’è l’anchor text. Sono le parole cliccabili. Che sono rilevani per la pagina a cui rimandano.

Quindi, facendola molto molto semplificata: se io, per esempio, da un post visibile a Google (quindi non questo: i numeri di Wolf sono post protetti da password e dunque non indicizzati, perché gli spider di Google non li possono scansionare) linko le parole «algoritmo di Facebook» al pezzo in cui parlo dell’algoritmo di Facebook (così –> algoritmo di Facebook), sto dicendo a Google che quel pezzo è pertinente per la keyword «algoritmo Facebook». Che quella pagina è autorevole per la keyword «algoritmo Facebook».

E come faccio se voglio linkare un «concorrente», in ossequio alla necessità di mandare dei link fuori dal mio giardino ma di non danneggiarmi? Come vedi, il mio pezzo sull’algoritmo di Facebook, che aggiorno periodicamente, linka fin dal primo paragrafo il sito ufficiale di Facebook.

Schermata 2016-05-04 alle 23.54.38

È stata mia cura, però, scegliere bene l’anchor text. Ho scritto «Facebook ha annunciato» e ho linkato quelle parole al pezzo apparso sul sito ufficiale della redazione di Facebook, in cui era contenuto l’annuncio. Quindi, è come se stessi dicendo a Google: «Ehi, Google. Il sito ufficiale della redazione di Facebook è pertinente e autorevole per gli annunci fatti dalla redazione di Facebook». Una tautologia, che non può in alcun modo danneggiare il mio posizionamento. Perché il sito ufficiale della redazione di Facebook è la mia fonte primaria, fra le altre cose. Linkarlo migliora l’esperienza utente. È ovviamente una fonte più informata di me sul tema, essendo la fonte primaria.

Altri modi per linkare concorrenti? Basta usare la fantasia.
Per esempio, si può usare come anchor text una combinazione fra le seguenti:

  • come scrive il sito ufficiale di XXX
  • un articolo scritto da YYY
  • in un pezzo firmato da ZZZ
  • pubblicato da WWW

Torniamo a Yoast e all’errore che sto cercando di correggere. Diciamo che l’italiano di Yoast è un po’ zoppicante, ok?

Schermata 2016-05-05 alle 00.51.09

Questo avvertimento sarebbe apparso anche a me se avessi linkato il sito ufficiale di Facebook usando come anchor text «algoritmo Facebook».

Ma il senso di ciò che Yoast sta tentando di trasmetterci con quell’avvertimento è questo. «Ehi, tu. Hai scelto come keyword «algoritmo Facebook». Non ti conviene usare come anchor text «algoritmo Facebook». Altrimenti Google non sa come decidere».

Quindi, tornando al mio caro sito sul Giubileo, quando linko all’esterno, per esempio il sito ufficiale del Giubileo, linko sempre le parole «sito ufficiale». Non Giubileo. Perché per «giubileo» mi voglio piazzare io.

Tutto chiaro? Se no, lo spazio commenti o la mia mail o il gruppo di conversazione su Facebook sono a disposizione.

È veramente più facile a farsi che a spiegarlo.

La cosa fondamentale, però, è ricordare che Yoast, come qualsiasi altro suggerimento o strumento in tema SEO, è uno strumento, appunto. Ma le buone pratiche vanno implementate indipendentemente dagli strumenti di supporto.

In generale

Quando fai un progetto SEO, ricordati che in tema di link:

  • è importante linkare all’esterno, siti che abbiano contenuti tali da migliorare l’esperienza utente. Quando lo fai, ricordati di usare l’anchor text come ti ho spiegato;
  • è importante fare il cosiddetto link-building, cioè linkare pagine pertinenti del proprio sito. Bisogna farlo in maniera quanto più possibile naturale (cioè: i link non devono sembrare naturali. Devono esserlo). Facciamo un esempio di link naturale: se scrivo un pezzo che parla di SEO, è assolutamente naturale linkare la categoria, l’archivio di tutti i miei pezzi che parlano di SEO, per esempio. Ricordati anche di utilizzare l’anchor text come ti ho spiegato. Anche in questo caso, i link devono migliorare l’esperienza utente;
  • non provare a fregare Google. In un certo senso, staresti fregando anche i tuoi lettori e il tuo stesso sito.

Torniamo al Giubileo

Per dire, il fatto che Vice, sbagliandosi, abbia linkato, da un suo pezzo, il mio sitarello usando come anchor text le parole «Giubileo Straordinario» di sicuro mi ha fatto un gran bene per il posizionamento.

Schermata 2016-05-05 alle 01.19.39

Evidentemente, l’autore di questo articolo aveva cercato su Google «giubileo» e mi aveva trovato. E aveva messo il link senza verificare (c’è scritto ovunque, che non è il sito ufficiale).

In virtù del posizionamento conquistato, il mio sito ha ricevuto una serie di link da siti grandi e piccoli che, sicuramente, hanno accresciuto la sua autorevolezza agli occhi di Google.

Insomma. Alla fine di Agosto 2015 il sito aveva fatto registrare un picco organico. Poi si era mantenuto per un po’ su quei livelli, con lievi decrescite. I miei aggiornamenti sono stati sporadici. Visto ciò che accadeva a Roma ho dovuto aggiornare anche brevemente, per non offrire ai lettori e a Google contenuti obsoleti, le dimissioni di Marino e il commissariamento della città (in un post che aggiornavo periodicamente, con le ultime notizie). L’obiettivo era quello di mantenere i posizionamenti principali a ridosso del primo grande evento. L’apertura della porta Santa.

Ma il primo, vero grande picco sul sito è arrivato fra il 13 e il 14 di novembre, ovvero subito dopo gli attentati di Parigi. Perché gli utenti cercavano su Google parole tipo «sicurezza Giubileo» e il mio sito, che nel frattempo ospitava una ventina di contenuti e svariati commenti di persone che erano giunte da quelle parti, si parlava anche di sicurezza.

Picco, appunto.

Schermata 2016-05-04 alle 22.59.48

Di ben 36mila sessioni in un giorno. Per darti un’idea della mole, il picco del giorno dell’apertura della porta santa è stato inferiore. Si tratta comunque di numeri molto significativi per un sito piccolo piccolo.

Morale della favola

Il sito è ancora al terzo posto su Google da ricerca anonima per la keyword «giubileo». È ancora oggi sopra il sito ufficiale del Giubileo per quella keyword e per molte altre.

Schermata 2016-05-04 alle 21.53.25

E non lo aggiorno dal 17 gennaio 2016.

Considerato il fatto che siamo a maggio, restano due considerazioni.

  • La prima: dovrei decidermi a trovare il tempo di aggiornarli.
  • La seconda: evidentemente, ragionare esclusivamente in termini di contenuto e convenienza propria di Google e dell’utente è l’impianto filosofico fondamentale per implementare una strategia di posizionamento.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>