Sia nell’anno 2016 che nel 2017 l’organizzazione siriana denominata Syrian Civil Defence è stata in lizza per il Premio Nobel per la Pace. Dal principio della rivoluzione in Siria nel 2011, tragicamente trasformatasi in una guerra civile e in un conflitto per procura, è sempre stato complesso raccontarne le sorti e gli eventi, i suoi sviluppi e le implicazioni politiche che questa comporta. Un paradosso, quello dell’inquinamento dell’informazione nell’era dell’onniscienza informatica, risolvibile con tante piccole soluzioni: nella guerra per procura scatenatasi col pretesto della Primavera Siriana le numerose forze straniere, direttamente o indirettamente coinvolte, hanno svolto un ruolo chiave nel […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Flow. or Flow Maicol Edition.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>