Precedente

Una brutta intervista

Questa è una conversazione con Andrea Alfieri, autore de «Il principe digitale di Machiavelli non perdona». Il problema principale di questa conversazione è che non c’è conflitto. Infatti inizia così: «Andrea, il tuo libro mi è piaciuto. Mi sono divertito a leggerlo». «Oh, grazie, è un piacere avere questo tipo di feedback». Tarallucci. Vino. Ma la questione è più complicata di così e tu che conosci Wolf sai già che non voglio finirla qua, per niente al mondo. Capiamo, allora, di cosa stiamo parlando. Il principe digitale è un libro di carta. Ha venduto poco più di 190 copie. Eppure […]
Abbonati a Wolf!
Scopri tutto il nostro archivio.
Se hai già sottoscritto l'abbonamento, fai log in.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>