Precedente

All’estero funziona

Categorie: Giornalismo

Il 26 agosto 2017, su Slow News parlavamo per la prima volta di Zetland, realtà giornalistica danese. Il titolo – puramente descrittivo del modello-Zetland – era emblematico di alcuni dei punti cardine della filosofia Wolf: Giornalismo del futuro: nicchie e comunità paganti per la qualità. Ho intervistato la direttrice di Zetland per saperne di più (a completamento dell'intervista che era uscita sul WanIfra). Ecco le sue risposte: sono semplici, disarmanti, sono da leggere e rileggere perché raccontano quello che crediamo qui. Quello che crediamo in Slow News. Sono anche una lezione da introiettare.
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>