Zimbabwe, la piramide

Categorie: Slow journalism

Nonostante l’entusiasmo civile e politico per il ricambio al potere e per la fine dell’era-Mugabe durata 37 anni lo Zimbabwe è oggi sull’orlo del fallimento. Anzi, di un vero e proprio disastro economico. Non bastano la felicità e i buoni propositi per risollevare una nazione: l’economia arretra, la crisi di liquidità è sempre più grave, l’iperinflazione galoppa e sembra non arrestarsi mai e i prezzi dei principali beni di largo consumo, dal latte alla benzina, dalla carne ai vestiti (il paese dell’Africa australe importa quasi tutto) continuano a salire indiscriminatamente. L’accelerata verso il declino è iniziata con l’aumento del prezzo […]
Abbonati a Flow.!
Scopri tutto il nostro archivio.
Se hai già sottoscritto l'abbonamento, fai log in.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>