fbpx

EP4 – La voce della Terra

Chiapas. Venerdì 21 settembre 2018. Municipio di Yajalón. Mario Leonel Gómez Sánchez è in strada, a pochi metri dalla sua abitazione. Una moto rallenta la sua corsa, a bordo ci sono due uomini: quello seduto dietro estrae una pistola e apre il fuoco. Uno dei colpi lo raggiunge all’addome, uccidendolo sul colpo. È tutto in un video, pubblicato poche ore dopo l’omicidio su diversi siti di informazione. Mario Gómez, 40 anni, un figlio di sette, da otto anni collaborava con El Heraldo de Chiapas, il più importante giornale dello stato.

Isaín Mandujano e Ángeles Mariscal, marito e moglie, sono due giornalisti chiapanecos. Lui è corrispondente per la rivista Proceso; lei è la fondatrice del sito chiapasparalelo.com, collaboratrice della CNN Mexico e vincitrice del premio Reuter 2019 per il suo reportage dalla frontiera tra Chiapas e Guatemala dal titolo “La compuerta mexicana” (“La porta messicana”) pubblicato sulla rivista spagnola 5W in cui racconta gli impatti delle politiche migratorie e la partecipazione delle formazioni militari nella repressione dei migranti lungo la rotta verso gli Stati Uniti.


Entrambi erano molto legati a Mario Gómez. Li incontriamo nella loro casa alla periferia di Tuxtla Gutiérrez, la capitale dello stato. «Conoscevo Mario dai tempi dell’Università Autonoma del Chiapas» racconta Mandujano. «Abbiamo studiato Scienze delle comunicazioni. Mario era originario di un pueblo, Yajalón, della selva del Chiapas. Amava fare giornalismo in questa regione così complicata, contesa tra partiti politici, militari, gruppi civili armati, l’Ezln, le milizie anti-Ezln. Faceva parte di un gruppo di giornalisti, con cui collaboro in diverse zone del Chiapas, che mi danno copertura in quelle parti dello stato dove non è possibile essere presenti. Mario mi passava non solo dati, notizie e informazioni ma addirittura interi articoli che non poteva pubblicare a suo nome perché sapeva di essere a rischio». Nelle settimane precedenti il suo omicidio, racconta Mandujano, stava lavorando su…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp