Numero

10 anni dopo: una storia aquilana

La notte del 6 aprile 2009 alle 3:32 una scossa distrugge il capoluogo abruzzese e causa 309 morti, 1600 feriti, 10 miliardi di danni secondo le stime più acclarate.
Dopo il terremoto, arrivo, applicata senza mezzi termini nel cratere sismico, la gestione dell’emergenza dall’alto. A dieci anni di distanza, nessuno deve dimenticare e il lavoro di Slow News, che all’epoca c’era anche senza esistere ancora grazie ad Alberto Puliafito, serve anche a tenere in superficie storie che altrimenti rischiano di sparire sepolte dall’attualità.

Una serie originale prodotta da Slow News.

A cura di

Categorie: Collane di Flow

In questo numero

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>