Numero

Greetings from Lampedusa

Lampedusa è un posto dove noleggi un’auto in riserva e la lasci sempre in riserva. «La cosa più frequente che rubano sull’isola è la benzina, puoi lasciare tranquillamente l’attrezzatura video e computer incustodita che tanto non saprebbero come rivenderla. Ma non lasciare mai il serbatoio pieno». Del resto, l’isola è lunga dieci chilometri per tre e con 5 euro di gasolio ci si può andare avanti una settimana.

Lampedusa è questo: un villaggio un po’ decadente con la fortuna di avere un ambiente naturale unico che vive di turismo di massa e di malelingue.

Come solo un paesino di 6000 abitanti può essere.

***

Se vuoi diventare consulente di una serie, magari di questa serie, e mettere le tue competenze a disposizione della comunità di Slow News, lascia un commento oppure scrivici a info@slow-news.com.

A cura di

Categorie: Collane di Flow

Greetings from Lampedusa. Parte I: i cittadini

I cittadini «Mi fanno ridere i turisti che vengono e dicono che gli amici li hanno sconsigliati di venire qui per i migranti. Questi sono solo di passaggio, non c’è nessun tipo di integrazione. Anzi ci sono solo due ragazzi di origine africana adottati da due famiglie del posto che sono rimasti, e anche loro sono abbastanza isolati». A parlare è Antonino, Nino, Taranto, animatore dell’Archivio storico di Lampedusa unica istituzione (privata) che prova a mantenere la memoria dell’isola. È famoso perché di fronte all’Archivio ci si trovano sempre i ragazzi dell’hotspot, i migranti per l’appunto. La prima cosa che […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>