Numero

La collana degli slow-reportage

Gli strumenti per scrivere un buon slow-reportage sono pochi e essenziali: penna, taccuino, macchina fotografica, occhiali da sole e tempo a disposizione. L’ultimo strumento è quello più importante di tutti: occorre tempo, e voglia, per mettersi a disposizione delle storie che si vogliono raccontarle, per coglierne l’essenza, i diversi punti di osservazione.

Cambiare la narrativa non è possibile se non si indossano diverse paia d’occhiali.

A cura di

Categorie: Collane di Flow

In questo numero

Questo contenuto è riservato agli abbonati di Flow. or Flow Maicol Edition.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>