Numero

Wolf. 144 – Scenario e previsione

Buona fine e buon principio

Il numero di oggi di Wolf è un numero speciale in molti sensi. Prima di tutto è speciale nel senso che esce, eccezionalmente, di sabato. Il che compensa la mancata uscita di mercoledì 28 e giovedì 29 dicembre, interamente imputabile al sottoscritto e all’influenza che ha visto un picco molto importante durante le festività natalizie, come ha raccontato anche l’ANSA (posso assicurarti, per esperienza diretta, che non si tratta di una fake news!).
È speciale perché è denso e corposo (deve, giustamente, compensare le due uscite che abbiamo saltato).
È speciale perché esce il 31 dicembre ed è la nostra transizione fra il 2016 e il 2017.
È speciale perché il titolo è vintage. Del resto, il futuro è il passato.
Ci rileggeremo quando sarà già il nuovo anno. Ci prendiamo una settimana di vacanza e torneremo online con il numero 145 il 10 di gennaio, per una nuova, lunghissima cavalcata insieme nell’universo della comunicazione, dell’informazione digitale, della Silicon Valley.
Ne approfitteremo per una revisione non solo delle nostre cellule cerebrali ma anche dei server e già in quella data, o di lì a poco, ci sarà una nuova esperienza utente che finalmente ci consentirà di uscire dalla schiavitù della password e di consentirti una lettura più agevole con un tuo account su WordPress. Sarà solo la prima delle tante novità che ti proporremo, per un nuovo anno insieme. Ci sarà poi l’appuntamento del rinnovo degli abbonamenti annuali (un momento cruciale per la nostra comunità) e quindi una campagna per aumentare gli abbonati.
Ti ricordo che ci sono due canali attraverso i quali contattarci in maniera «social»:

Se vuoi, poi, puoi scrivermi privatamente. Buona lettura e buon anno!

A cura di

Le regole segrete di eliminazione dei contenuti

Il settimanale Der Spiegel a Novembre aveva riportato la notizia che Mark Zuckerberg era indagato in Germania per mancata rimozione di contenuti che incitavano all’odio e che negano la Shoah e si ipotizza addirittura di multare il social più popoloso del pianeta con 500 mila euro di multa per ogni notizia falsa non rimossa entro 24 ore. Ma in base a quali criteri esattamente Facebook rimuove i contenuti? Finora il social network si era sempre rifiutato di rendere pubbliche le regole di cancellazione dei contenuti scorretti pubblicati sulla sua piattaforma, ma ora siamo in grado di farci un’idea abbastanza precisa […]

Da nulla a tutto quello che vuoi.
Decidi tu quanto costa!


Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>