Numero

Wolf. 287 – Fallire meglio e altre tecniche di sopravvivenza

A cura di

Auguri Adriano

È vero che possiamo lavorare per aggregare comunità attraverso i contenuti, intorno a un progetto. È vero anche che possiamo partecipare concretamente alla grande avventura della nostra contemporaneità, la digitalizzazione del mondo. Questo significa che da qualche parte, lì in mezzo fra l’aggregazione e la digitalizzazione, c’è spazio la comunità concreta di Adriano Olivetti? Significa che continua a esistere, che rimane tale anche nella vita ultraconnessa, quella comunità concreta? Olivetti la chiamava proprio così, concreta, probabilmente perché era stufo di sentirsi dare dell’utopista e del sognatore. Del resto,  era un uomo del fare: produceva strumenti, meccanica di precisione. Aveva soldi, potere, […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>