Numero

Solid. E cosa dice Tim Berners-Lee

Solid è il nuovo web ideato da Tim Berners-Lee.
Ci siamo iscritti per capire cos’è, come funziona, a cosa serve, perché ne abbiamo bisogno. E abbiamo parlato con lui in chat, per capire cosa pensa del fatto che siamo molto preoccupati dall’esperienza utente e dal fatto che sarà difficilissimo portare al suo interno la massa critica di persone che serve per non farlo rimanere un bel gioco, un bell’esercizio di stile.

A cura di

Solid

«Il Web come l’ho immaginato, non l’abbiamo ancora visto, il futuro è ancora molto più grande del passato». Finisce così “One Small Step for the Web…”, in cui Tim Berners-Lee ammette che le cose, con il web, non sono andate esattamente come si era immaginato agli inizi. E quel web inclusivo che si voleva creare, quella rete per tutti, si è trasformata in un «motore di disuguaglianze e divisioni». Ragion per cui al MIT, Berners-Lee, l’uomo che ha inventato il World Wide Web, si è messo al lavoro con una startup per ricominciare da capo e ricostruire una rete che si basi, […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Wolf.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>