fbpx

EP4 – I luoghi

I naufraghi che arrivano morti a Lampedusa sono nudi. I lampedusani li vestono coi propri abiti e danno loro una tomba. Lo ius soli che tutti cercano è qui, nel cimitero dell’isola dove questi scappati per mare trovano una zolla…
P. Buttafuoco,”Strabuttanissima Sicilia”

Il Cimitero di Lampedusa è appena fuori dal centro urbano, a Cala Pisana. Proprio accanto alla discussa centrale elettrica a gasolio dell’isola. È un cimitero diviso in 2 parti, una parte monumentale e una suddivisa in corridoi con le lapidi una sopra l’altra, una accanto all’altra. All’entrata un cartello messo dal Comune già fa capire l’eccezionalità di questo posto. “In questo cimitero hanno trovato sepoltura un numero imprecisato di donne uomini morti nel tentativo di raggiungere l’Europa attraverso il mar Mediterraneo – dice la targa – le uniche notizie che è stato possibile recuperare delle storie di queste persone e riguardano le circostanze della loro morte o del ritrovamento dei loro corpi. Ma tutti i loro hanno vissuto. Hanno gioito e sofferto, hanno sperato e lottato e qualcuno li ha attesi e pianti”.

È dagli anni Novanta che qui vengono sepolti i migranti senza nome, non quelli di quest’ultimo naufragio del 7 ottobre. Perché, come ci ha spiegato il sindaco, a Lampedusa non c’è più spazio neanche per i morti. Ci sono due piccoli pratini con croci, angeli e braccialetti di Amnesty international o ci sono lapidi che recano delle scritte che sono delle ipotesi “Qui migrante non identificato” c’è scritto su una tomba datata 29 settembre del 2000. La parola migrante è stata cancellata da una mano anonima con un pennarello rosso “persona” c’è scritto sopra. A volte c’è il racconto del naufragio con le persone salvate e i dispersi: “Qui ripotano – dice la lapide del naufragio dell’8 maggio 2011 – un uomo di circa 20 anni, un uomo di età compresa tra i 25 e i 30 anni, un uomo di età compresa tra i 35 e i 40 anni. Tutti di probabile origine subsahariana”.

La tomba di una persona ignota. Cimitero di Lampedusa. Ottobre 2019.

Anche il Papa nel luglio del 2013 è venuto a visitare il cimitero dei Senza Nome durante la sua visita a Lampedusa, ma questo non convince…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp