fbpx

Varoufakis Corriere - 001

Domani, 20 settembre 2015, si vota in Grecia. In vista di questo appuntamento elettorale, qualche giorno fa, il Corriere della Sera ha pubblicato sul cartaceo e sull’online un’intervista all’ex ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis. Nell’intervista, fra le altre cose, Varoufakis parla dei giornalisti e dice (citiamo testualmente dalla versione inglese pubblicata sul blog del ministro):

«Journalists should learn, at last, the art of accurate reporting».

E, alla domanda «Have you enjoyed being a style model, being pointed as a sex symbol, having fan like a rock star?»

«No. I have detested the star system all my life. It would have been the height of hypocrisy to enjoy its output the moment, for some unknown to me reason, the same system elevated me to a fake pedestal».

Due questioni molto interessanti. Ma perché citarle in inglese, se l’intervista è stata pubblicata in italiano?

Slow-news-150x150 Semplice: perché Varoufakis, dopo la pubblicazione dell’intervista del Corriere, ha sentito il bisogno di pubblicare sul suo blog, appunto, quella che, secondo la sua versione, è la versione originale dell’intervista. Facendola precedere da una premessa, sempre in inglese:

For the Italian version as published in CDS, click here. But beware: The Italian text there is a summary of my answers and, in my view, offers a distorted version of my original answers in English (including the awful title) – which you can read here…

A oggi, il CorSera non ha rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale in merito alle affermazioni di Varoufakis. Non ha replicato, non ha smentito. Il che lascerebbe pensare, a colpi di rasoio di Occam, che quella pubblicata dall’ex ministro sia veramente la versione originale.

Abbiamo provato a confrontare i due testi. Il risultato è imbarazzante. Rispetto alla versione di Varoufakis, sul pezzo pubblicato dal Corriere ci sono domande cambiate, risposte accorciate, mixate, diverse nelle due lingue, coppie di domanda-risposta omesse. Al punto che un confronto sistematico sembra addirittura impossibile.

Nelle immagini, uno schema di confronto, la versione stampata in inglese (in blu, tutte le parti omesse. Ci sono anche domande molto interessanti, tipo «Cosa significa “sinistra” in politica, per lei?» E ovviamente mancano anche le relative risposte), il cartaceo del Corriere. Giusto perché il lettore si possa rendere conto dell’impossibilità di fare un confronto sistematico.

È evidente che, soprattutto in assenza di spiegazioni da parte della testata che ha pubblicato l’intervista, siamo di fronte a un problema, a una situazione imbarazzante per chiunque bazzichi nel mondo del giornalismo.

E che, se vogliamo allargare il discorso, c’è sempre più bisogno di un giornalismo diverso. Più lento. Più accurato. Diciamolo: migliore.

[Nota per i non anglofoni: su Scenarieconomici.it, ripresa poi da TgValleSusa, è stata pubblicata la traduzione integrale in italiano della versione di Varoufakis].

Libri di Yanis Varoufakis: È l’economia che cambia il mondo: Quando la disuguaglianza mette a rischio il nostro futuro (Saggi stranieri) – Il minotauro globale. L’America, le vere origini della crisi e il futuro dell’economia globale – Una modesta proposta per risolvere la crisi dell’euro

[Nota: i link ai libri rimandano, chiaramente, a una pagina di Amazon da cui si possono acquistare. Abbiamo sottoscritto il programma di affiliazione. Questo significa che se compri un libro (di Varoufakis o di altri) passando dal nostro link, a noi arriva una piccola percentuale. A te non costa nulla, ma è un altro modo per scegliere di sostenere Slow News: vale per tutti i prodotti che acquisti su Amazon. Se non vuoi o non puoi abbonarti ma ti piace quel che facciamo, se sei fra i nostri abbonati e vuoi sostenerci in un altro modo, è un’idea per farlo]

Ti piace Slow News?

iscriviti gratis alla newsletter

* campi obbligatori


Potrai cancellarti quando vorrai e la tua privacy è al sicuro. Per sapere come la tuteliamo visita il nostro sito.