Il cotone OGM in Burkina Faso

Via libera alle zanzare OGM e porte chiuse al cotone OGM: l’approccio laico alle nuove tecnologie del nuovo Burkina Faso va studiato e approfondito: è il bene comune il fine che delinea il metodo.

Categorie: Numeri di Slow News

L’approccio laico alla questione degli organismi geneticamente modificati è una parte integrante della storia moderna del Burkina Faso. Negli ultimi anni della dittatura di Blaise Compaoré, che ha governato dall’ottobre 1987 all’ottobre 2014, in ampie zone del paese africano rinomate per la produzione del migliore cotone al mondo furono introdotte sementi geneticamente modificate. Nel 2003 Monsanto fece partire il progetto BT Cotton in Burkina Faso tramite Sofitex, società pubblica burkinabé creata nel 1995 che deteneva quasi il monopolio del mercato cotonifero, e per anni nelle riunioni tra produttori di cotone e Monsanto si è sottaciuta la problematica principale del cotone […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Flow. or Raccontare tutto, ma proprio tutto, con gli Scarabocchi di Maicol&Mirco (+ 3 mesi di Flow).

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>