Successivo

Quale genocidio dei bianchi?

Categorie: Slow journalism

«Ciao sono Simon Roche. Rappresento i bianchi del Sudafrica, ai quali è stato detto di aspettarsi un genocidio contro di loro» dice in un video in inglese un signore giovane dal mento volitivo, barba corta e ben curata, occhi e camicia azzurri e marcato accento afrikaner. 800.000 visualizzazioni su Facebook e un tour mondiale che sembra non finire mai: Stati Uniti, Unione Europea, America Latina. Roche è un vero giramondo. Simon Roche è il leader e portavoce dei Suidlanders, il più importante gruppo dell’ultradestra sudafricana, e aspira al ruolo di portavoce internazionale della razza bianca. In tempi di globalizzazione il […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Flow. or Raccontare tutto, ma proprio tutto, con gli Scarabocchi di Maicol&Mirco (+ 3 mesi di Flow).

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>