fbpx

EP3 – La parola nuova

Nell’ultimo decennio dell’Ottocento, un giovane avvocato, timido e impacciato, scopre che le sue difficoltà davanti alla corte sono inversamente proporzionali alle sue capacità di ascolto e rivendicazione politica. Il giovane avvocato, è il caso di dirlo, è di etnia indiana, ma ha studiato in Gran Bretagna e vive in Sudafrica: il suo nome è Mohandas Karamchand Gandhi, ma nel giro di qualche anno tantissimi lo chiameranno Mahatma, grande anima. Tutti oggi lo ricordano vestito di bianco per la marcia del sale o per la resistenza nonviolenta contro l’Impero britannico per l’indipendenza indiana, ma le prime pratiche del metodo partono in Sudafrica, quando Gandhi ancora vestiva all’occidentale, salvo per il turbante, e quasi si stupiva della discriminazione a cui i suoi connazionali, oltre alle persone nere, erano sottoposti.

Ghandi avvocato in Sudafrica. Anno 1906.

Ma perché parlare della fine dell’Ottocento? Certo non per distrarre il lettore dal mio errore di registrazione. Anzi, rivendico ogni riga scritta nelle puntate precedenti: avevo di fronte Pietro Pinna, uno dei primi obiettori di coscienza al servizio (dell’uccisione) militare, un pezzo di storia, e non ero stata in grado di filmare l’intervista come si deve; il risultato era un video delle sue ginocchia, motivo per cui cercavo, senza successo, immagini di copertura.



Non sto divagando, davvero: è che la difficoltà di trovare un’iconografia autenticamente nonviolenta non si limita alle questioni figurative, ma riguarda anche le parole.

Torniamo alla fine dell’Ottocento, allora, anzi, ormai all’inizio del Novecento. Gandhi è in Sudafrica da dieci anni, è conosciuto dai connazionali, che difende mettendo a frutto i suoi studi giuridici e senza commettere violenza. Nelle iniziative di protesta contro regole discriminatorie o per impedirne gli effetti, attua e invita ad attuare forme di resistenza passiva, anche se chiarirà più volte che questa pratica non è equiparabile a quello che sta cercando, teorizzando, sperimentando. Chi esercita resistenza passiva infatti può anche essere debole, anzi, molto spesso lo è. Non solo, può anche odiare l’avversario contro cui si oppone, può vederlo come nemico. Il metodo che Gandhi vuole proporre, e che attua con intransigenza, si basa invece su “una forza invincibile”, che è la forza dell’anima, superiore a quella d…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp