fbpx

EP8 – La rivoluzione è aperta!

Se non si è retori consumati o cinici maestri di propaganda, parlare in pubblico significa semplicemente voler comunicare, manifestare le proprie idee a un uditorio più o meno pronto ad ascoltare e apprezzare il discorso. L’applauso arriva allora inaspettato, provoca in chi parla un’emozione a metà tra lo spavento, lo stupore e la soddisfazione. Ma i discorsi importanti, quelli con un pubblico ampio o un messaggio importante, si pensano con attenzione, si scrivono, si imparano, ci si studia una scaletta almeno, si intuiscono i punti in cui chi ascolta annuirà, le frasi in cui forse sarà vicino alla commozione, le massime che resteranno impresse per parlarne con gli amici o adatte a titolare un resoconto: più forte è la testimonianza, più ci si aspetta una reazione.

Oppure no?

Washington DC, Stati Uniti, 1968. Martin Luther King jr alla Marcia per i diritti civili. Foto originale di Rowland Scherman

Le domande che volevo porre a Pietro Pinna, in quanto primo obiettore di coscienza per motivi ideali, erano poche. Una di queste riguardava l’effetto della sua scelta sulla storia d…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp