L’anti-plagio di ChatGPT non funziona (e non funzionerà)

OpenAi ha reso disponibile la prima versione di uno strumento per riconoscere i testi scritti da una macchina generativa tipo ChatGPT. Cioè, un anti-plagio. Tu gli metti dentro un testo e quello ti dice se è probabile o meno che sia stato scritto da una macchina.

Alcune considerazioni sparse:

– ovviamente non funziona
– anche se funzionasse, darà un sacco di falsi positivi e falsi negativi
– anche se funzionasse, che facciamo coi testi generati da una macchina generativa e poi editati da un essere umano?
– è una battaglia persa in partenza. Insieme alla preoccupazione per l’intelligenzadell’intelligenza artificiale, è solo un altro modo di mettere fuori fuoco le questioni importanti
– sarebbe molto più interessante e urgente lavorare sui riconoscimenti di immagini e video creati da macchine generative (ma a lungo andare temo sia una battaglia persa in partenza anche quella)

Ne parliamo anche su Wolf – Provalo qui

Alberto Puliafito
Alberto Puliafito
un anno fa

News Flow

Ultimo aggiornamento 2 giorni fa
Leggi tutte le News Flow
Slow News, via email
Lasciaci il tuo indirizzo e ricevi gratuitamente solo le parti di Slow News che ti interessano: