Inchiesta su Airbnb, Atto I: Edimburgo

Inizia con questo una serie di articoli che andranno piano piano a comporre la Collana dell’Abitare, un viaggio a più tappe per analizzare il fenomeno Airbnb e il suo impatto sulle città, sulle vite dei residenti, sull’economia dei quartieri. È un argomento delicato, che tocca tutti noi e che ci tocca in maniera complessa, duplice, innescando una dinamica molto strana che ci fa essere contemporaneamente vittime e carnefici. È un viaggio che parte a Edimburgo e che passerà per Parigi, per Barcellona, per Milano, per Bruxelles, che cercherà di mettere insieme più punti di vista: degli abitanti, dei viaggiatori, delle piattaforme stesse e di chi sta combattendo per regolamentare la loro attività.

Categorie: Slow journalism

C’è un reportage di Jack London che si intitola The People of the Abyss, Il popolo dell’Abisso, scritto dall’americano dopo aver vissuto tre mesi nell’East End di Londra. Era il 1902. I quartieri popolari di Londra erano una giungla. Secondo il censimento del 1901, all’epoca nella Inner London vivevano 4 milioni 536mila 267 persone. Di queste, registra London, 1 milione e 800mila persone viveva nella miseria o sull’orlo della povertà, mentre circa un altro milione, scrive espressamente «distavano soltanto una settimana di stipendio dalla miseria». Tra questa gente vige una guerra intestina continua e a bassa intensità: una competizione sul […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Flow. or Flow Maicol Edition.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>