Storia di un adesivo

Categorie: Slow journalism

J’existe. Io esisto. Sono le parole riportate su un adesivo che in Europa, almeno dal 2015, sta letteralmente spopolando. Ho visto per la prima volta questo sticker a Bruxelles, le parole scritte in nero su fondo bianco appiccicate a un lampione a pochi metri dall’ingresso del palazzo della Commissione Europea. Pensai subito a Cartesio, filosofo e matematico francese della prima metà del Seicento, e al suo famoso «cogito ergo sum sive existo»: penso, quindi sono, ossia esisto. In realtà, cosa meno nota, il primo ad utilizzare questa formula è stato il filosofo spagnolo Gomez Pereira circa ottant’anni prima di Cartesio. […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Flow. or Flow Maicol Edition.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>