Parte 2 – I PFAS e la Terra di sotto

Il comitato delle mamme NoPFAS nasce dall’esigenza di rispondere a una domanda tanto semplice quanto terribile: di chi possiamo fidarci se nemmeno più l’acqua che beviamo è sicura? Anche in questa battaglia per la trasparenza e per la verità sono le donne a mettersi in prima linea: Michela, Luigina, Lara, Cristina, pronte a dare corpo alle proprie domande e forza, nella lotta, ai propri compagni di vita e ai propri figli. È il sangue e non lo sguardo a raccontare il dramma di una comunità.

L’obiettivo delle mamme NoPFAS? Giustizia. Ma soprattutto Verità.

«La nostra vita è cambiata»

La vita dei residenti nella zona rossa cambia velocemente. La vista dei valori di PFAS nel sangue mette in allarme prima di tutti le madri, preoccupate per la salute dei propri figli. Le madri, quelle stesse che diventeranno la prima trincea della battaglia che da queste parti si sta conducendo per affrontare l’emergenza, per far in modo che la situazione delle acque torni alla normalità.

È proprio lungo quella che nel tempo ha preso il nome di «zona contaminata» che ci muoviamo. Siamo a Lonigo, più precisamente in una sua frazione, Almisano, a circa mezz’ora di macchina da Vicenza. Lungo il percorso si attraversano centri abitati intervallati da estese zone industriali, ma una volta arrivati lì davvero poco lascia pensare di trovarsi in una zona contaminata. Le cascine e il verde dei campi pianeggianti rende l’inquinamento da PFAS invisibile agli occhi e per questo ancora più subdolo e penetrante. Solo un cartello appeso a una fontana per abbeverarsi salta all’occhio: “Attenzione, acqua non sottoposta a controlli di potabilità“. Un avviso, spiegano i residenti, comparso dopo l’esplosione del caso.

Almisano (VI) – 10 Aprile 2018
Una fontana di acqua probabilmente contaminata, ormai in disuso. I dintorni di Lonigo sono ricchi d’acqua di facile reperibilità. In futuro si dovrà ricorrere all’acqua proveniente dall’acquedotto (opportunatamente filtrata) in attesa che nuove condutture portino acqua da altre fonti no…

Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram
Share on whatsapp