fbpx

(Disegni di Maicol&Mirco)

 

Chi sono gli anarchici? C’è chi li definisce nichilisti, chi pazzi, chi dei teppisti o dei terroristi.
Non è così, e anzi, spesso lo sguardo di un anarchico è uno sguardo lucido, attento, che riesce a cogliere la realtà oltre abitudini e convenzioni.

 

Gli anarchici sono persone che non si sono mai abituate, che non vogliono cedere alle lusinghe di una società che sostiene di poterti dare moltissimo ma che poi alla fine ti abbandona a te stesso nel momento del bisogno.

 

In Italia le tracce degli anarchici sono un po’ ovunque.

E possiamo provare a ricostruirne la storia.

Episodi
06 - Il Virus è potere
13 Maggio 2020
«La logica dei famigerati DPCM – si legge sull'editoriale del numero di gennaio della rivista Malamente – è una sola: salvaguardare produzione e circolazione di merci. Per questo le persone improduttive vengono relegate in casa, mentre chi ancora un lavoro ce l'ha può uscire per lo stretto necessario allo svolgimento della propria mansione».
05 - Il mondo come volontà e agitazione
14 Maggio 2020
Roma, quartiere Prati, piazzale degli Eroi. C'è una targa appesa a un muro, un po' nascosta come molte cose nella Capitale: sono lì ma in pochi se ne accorgono. Bisogna farci attenzione, oppure andarle a cercare. La targa di piazzale degli Eroi è dedicata a Errico Malatesta, e sopra si parla di lui come di un «apostolo della libertà».
04 - Barricate di carta
15 Maggio 2020
Il pomeriggio di lunedì 20 luglio 2020, il milanese Paolo Finzi era alla stazione di Forlì. Qualcuno, dal binario di fronte, l'ha visto sui binari che camminava. Poi è passato un treno e poi più niente
03 - Il cielo color del vino
16 Maggio 2020
Siamo all'Aurora, «azienda agrobiologica» secondo il gergo burocratico standard, «la cantina degli anarchici» per il resto del mondo.
02 - Pinelli, allora e oggi
17 Maggio 2020
Il problema della storia di Giuseppe Pinelli è che la conosciamo tutti. Il ferroviere anarchico, la finestra aperta al quarto piano della questura di Milano, il commissario Calabresi. E la bomba di piazza Fontana, le inchieste, le controinchieste, le sentenze storte.
01 - Dai monti di Carrara
18 Maggio 2020
Carrara è un gomitolo di strade strette che si intrecciano tra di loro e, a girarla in automobile, si ha facilmente la sensazione di passare sempre per gli stessi posti, in loop. Guardandosi in giro, le tracce degli anarchici sono ovunque: targhe sui muri, sedi, scritte, persino un monumento dedicato al regicida Gaetano Bresci al cimitero dove, tra gli altri, riposa anche Pino Pinelli.