facebook_pixel
Precedente

Denis Mukwege: l'uomo che ripara le donne

Denis Mukwege ha vinto il Premio Nobel per la pace 2018. Andrea Spinelli Barrile lo ha incontrato per Slow News ben prima che il premio venisse assegnato, e lo ha intervistato. Una vita appesa a un filo da quando ha denunciato i rapimenti e gli stupri di massa nella Repubblica Democratica del Congo. Una storia di forza e di coraggio.

«Oggi lo stupro non è più un effetto collaterale della guerra: ne è diventato una parte, è un’arma nei conflitti bellici. In particolare lo abbiamo visto nella Repubblica Democratica del Congo.» Il dottor Denis Mukwege è un omone imponente, una di quelle persone di cui si avverte la presenza quando entra nella stanza. È uno di quegli elefanti che non si possono ignorare: è nato terzo di nove fratelli nel 1955 a Bukavu, una città sulla riva ovest del lago Kivu nel cuore dell’Africa nera, in un Paese che all’epoca si chiamava Congo-Leopoldville ed era una colonia belga proprietà personale […]
Questo contenuto è riservato agli abbonati di Flow..

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>