fbpx

Ci hanno abituato a pensare alla moda come a un mondo luccicante, fatto di brand, di lusso, di ostentazioni e di tendenze che cambiano più veloci delle stagioni. Ma la moda è un mondo molto più complesso. È un’industria e come tutte le industrie ha al suo interno tante anime diverse.

 

Questa serie di 6 episodi, ideata e scritta da Anna Castiglioni e prodotta da Slow News, racconta questo mondo in molte delle sue sfaccettature, concentrando lo sguardo su un tipo di moda diverso, che è importante sostenere.

 

Un viaggio che parte dal mondo del fast fashion, che passa per la salute e per le pratiche di riuso, riciclo e riparazione per dare spazio, in mezzo a tante cose che sono inferno, a ciò che inferno non è.

Episodi
01 - La moda del fast fashion
25 Aprile 2020
Immaginate un camion della spazzatura colmo di vestiti. Immaginate ora un'enorme discarica a cielo aperto dove ogni secondo questo camion svuota la sua montagna di abiti. Questa è esattamente la quantità di abbigliamento che buttiamo ogni giorno: l'equivalente di un camion al secondo.
02 - Moda e salute
25 Aprile 2020
Una delle prime cose che ho imparato da mia figlia è che salute e vestiti sono strettamente correlati. Aveva solo due mesi quando finimmo all'ospedale per delle macchie rosse sulla pelle. La diagnosi fu dermatite atopica.
03 - La moda del riuso
25 Aprile 2020
Perché dovrei comprare vestiti usati quando allo stesso prezzo posso averli nuovi? È la domanda che mi pone più spesso mia mamma, boomer doc, mentre guarda disgustata i capi usati che compro per me e i miei bambini.
04 - La moda del consumismo
25 Aprile 2020
Ha senso parlare di moda in una situazione d'emergenza come quella che stiamo vivendo? Esiste un nesso tra moda e pandemia? Per entrambe le domande la risposta è sì. Non solo ha senso, ma è estremamente importante parlarne.
05 - La moda del riciclo
25 Aprile 2020
Mentre scrivo questo articolo siamo ancora in piena emergenza Covid-19 e mi piace pensare che da questa crisi possiamo uscirne più forti e consapevoli. Come hanno fatto le aziende tessili pratesi che, messe in ginocchio dalla crisi economica del 2009, hanno riscoperto la loro radici e riadattato la loro produzione.
06 - Moda e lavoro
25 Aprile 2020
Reshma non riesce a non pensare a quanto successo il giorno prima sul posto di lavoro, quando tre ispettori sono arrivati a rompere le righe delle migliaia di sarte come lei chine sulle macchine da cucire, imponendo l’evacuazione dall’edificio. Tempo pochi minuti e nel reparto regnava il caos più totale.