Kékeh, il caos delle opportunità

Fino al 2013 non ne esisteva nemmeno uno e oggi è il mezzo di trasporto pubblico più in voga a Monrovia, capitale della Liberia. È il kékeh, il tre-ruote per trasporto passeggeri, il metodo più sicuro ed economico per spostarsi in tutto il sud-est asiatico e in almeno 30 città africane.

Ma quale è il prezzo della praticità e dell’economicità? E quali sono le opportunità mancate per l’Apecar, ambasciatore numero uno del design italiano nel mondo?

Categorie: Reportage

Basta agitare una mano, ruotandola sul polso come se volessi salutare qualcuno o avvitare un pomello, con il gomito piegato a novanta gradi. Non serve sbracciarsi né urlare per richiamare la loro attenzione. Dallo sciame di sferraglianti mezzi gommati gialli, coperti da teli di plastica coloratissimi, esce sempre qualche Apecar, a volte già carico di persone, pronto a fermarsi per farti saltare su. L’odore di gas di scarico, il rumore delle marce che si inseriscono, che salgono, che scalano, i clacson penetranti e il rombo dei motori sembrano quasi svanire non appena ci si siede sul sedile posteriore del mezzo. […]
Abbonati a Flow. or Ottobre!
Scopri tutto il nostro archivio.
Se hai già sottoscritto l'abbonamento, fai log in.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>