Le turbaniste

Una nuova generazione di donne, in Europa, in America ma soprattutto in Africa (dove il mercato informale della moda rappresenta l’85% del totale di questo settore), oggi cavalca l’onda di un accessorio che si vede sempre più sulle teste femminili.

Categorie: Slow journalism

Per quattrocentocinquanta anni milioni di persone sono partite dalle spiagge africane della Costa d’Oro, lasciando la terra natia, perché destinate alla schiavitù d’oltreoceano. Una schiavitù che avrebbero tramandato ai propri discendenti, per generazioni. Tra tutte le nazioni che affacciano sul Golfo di Guinea il territorio oggi chiamato Benin è quello che ha pagato il tributo maggiore durante la schiavitù: da quella terra gli schiavisti hanno saccheggiato per secoli le risorse più importanti, uomini e donne destinati alla deportazione verso le Americhe. Uno schiavo su cinque deportati, per oltre quattro secoli, è stato di origine beninese. Le donne, rese serve e […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>