Rinascimento Africano

Tra il XVI e il XIX secolo il Ghana è stato uno snodo importantissimo per i traffici di esseri umani a cavallo dell’Atlantico. Il colonialismo, la tratta, la schiavitù sono i fenomeni che meglio e per più tempo hanno contraddistinto i rapporti tra l’Europa e l’Africa, un passato comune su fronti opposti e lungo 400 anni, che non è possibile cancellare e che ancora oggi impregna le culture africane, europee e americane.

William Edward Burghardt Du Bois, nato a Great Barrington nel Massachussetts nel 1868, tra i grandi leader delle lotte per i diritti civili degli afroamericani e fondatore della National Association for the Advancement of Colored People, fu naturalizzato ghanese all’età di 95 anni, nel 1963. Si era trasferito in Ghana, ad Accra, nel 1961 su invito di Kwame Nkrumah, primo presidente africano del primo paese africano libero, il quale voleva fargli dirigere l’Encyclopedia Africana. Un sogno che Du Bois covava da tempo e che grazie al governo di Nkrumah stava diventando realtà. Du Bois morì ad Accra il 27 agosto 1963 e il 28 agosto, a Washington DC, Martin Luther King pronunciò il famoso discorso “I have a dream”.

Categorie: Slow journalism

«Naturalmente, se gli uomini vengono improvvisamente trasportati da un ambiente ad un altro, il risultato è la loro mancanza di armonia con le nuove condizioni; la mancanza di armonia con un nuovo ambiente fisico circostante porta alla malattia, alla morte o ad una modificazione del fisico; la mancanza di armonia con il nuovo ambiente sociale porta al crimine». W.E.B. Du Bois, The Philadelphia Negro, 1899 Du Bois è stato di fatto un precursore, uno dei pionieri del Rinascimento Africano, del ritorno alla terra degli antenati, dell’autodeterminazione del continente africano. Nella sua visione l’Africa non aveva bisogno di aiuti ma di […]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
I campi seguiti da un asterisco sono obbligatori.

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>