fbpx

Barbara Schiavulli

Corrispondente di guerra e scrittrice, ha seguito i fronti caldi degli ultimi vent’anni, come Iraq e Afghanistan, Israele, Palestina, Pakistan, Yemen, Sudan, Venezuela, Haiti, Libia. Racconta le persone e come la guerra la subiscono. I suoi articoli sono apparsi, tra gli altri, su il Fatto Quotidiano, Repubblica, Avvenire ed Espresso. Collabora con radio (Radio 24, Radio Rai, Radio Popolare, Radio Svizzera Italiana) e TV (RAI, RAI News 24, Sky TG24, LA7, TV Svizzera Italiana e la BBC).

È la direttrice di Radio Bullets,un progetto che parla di giornalismo e Esteri. Ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali, tra cui il Premio Luchetta, il Premio Antonio Russo, il Premio Maria Grazia Cutuli e il Premio Enzo Baldoni. Ha pubblicato Le farfalle non muoiono in cielo (La Meridiana, 2005), Guerra e guerra (Garzanti, 2010),  La guerra dentro (2013) e Bulletproof diaries. Storie di una reporter di guerra (2016) e l’ultimo: Quando muoio lo dico a Dio, storie di ordinario estremismo che è anche un reading teatrale. La sua base di partenza è Roma e viaggia sempre con un trolley rosa e una stilografica.

Su Slow News ha scritto:

Venezuela19, 2019